Ultima modifica: 15 febbraio 2016
Liceo "Carolina Poerio" > Didattica > Indirizzo di Studi Linguistico

Indirizzo di Studi Linguistico

 

 

 

La centralità della formazione linguistica e lo studio comparato di varie culture europee favoriscono la comunicazione interculturale ed una consapevole apertura verso il mondo. L’apprendimento di tre lingue comunitarie (Inglese, Francese e Tedesco/Spagnolo) è potenziato dalla presenza di docenti madrelingua, dall’uso costante di laboratori multimediali e da attività di vario tipo (scambi e stage linguistici all’estero, etwinning, Erasmus plus).L’offerta formativa si completa con la possibilità di conseguire non solo certificazioni riconosciute anche all’estero (Cambridge, Delf, Dele e Goethe), ma anche due diplomi con un unico esame (Esabac).
Il progetto “Certilingua” conferisce un ulteriore attestato alle eccellenze nelle lingue con il Diploma di Stato.
Dal 3° anno è previsto l’insegnamento di una disciplina non linguistica curricolare in lingua straniera (metodologia CLILL) alleg.D – D.P.R. 15 MARZO 2010.
Dal 4^ anno è previsto l’insegnamento di due discipline non linguistiche curriculari in lingua straniera (metodologia CLILL) alleg.D – D.P.R. 15 MARZO 2010.
Elemento centrale dell’educazione linguistico – interculturale del Poerio è la collaborazione con scuole estere.
Dall’a.s. 2002/2003 sono stati realizzati stages linguistici in diverse città della Francia. Il Liceo Linguistico offre esperienze di study stay nonchè di work-experience programmes con Paesi di lingua anglofona. Propone “Lingue al teatro” come attività didattiche fuori aula.
Profilo in uscita
Al termine del quinquennio lo studente del Liceo Linguistico: sa comunicare in tre lingue in vari ambiti sociali con l’acquisizione di certificazioni linguistiche almeno del livello B2 del Quadro europeo linguistico; sa riconoscere gli elementi caratterizzanti le lingue studiate, i diversi generi testuali, i differenti linguaggi settoriali; sa fruire in maniera critica di messaggi veicolati nelle varie lingue da fonti diverse; sa affrontare in lingua diversa dall’italiano specifici contenuti disciplinari; sa riflettere sulla struttura e sull’uso dei sistemi linguistici studiati in un’ottica comparativa; conosce aspetti significativi delle culture straniere e sa riflettere su di esse in prospettiva interculturale; sa confrontarsi in modo critico con il sapere e la cultura degli altri popoli, attraverso il contatto con civiltà, stili di vita diversi dai propri, anche tramite esperienze di studio nei paesi in cui si parlano le lingue studiate. (Allegato A del D.P.R. 89/2010)
Il profilo in uscita consente l’accesso a tutte le facoltà universitarie con percorsi universitari in lingua inglese sia in Italia che all’estero e fornisce i prerequisiti specifici per la frequenza delle facoltà di lingue, accademie e scuole per interpreti e traduttori. Pur non essendo professionalizzante, il Liceo linguistico offre sbocchi lavorativi in ambito turistico – commerciale e nel settore marketing e incoming.