Ultima modifica: 7 maggio 2016
Liceo "Carolina Poerio" > Avvisi > LIBERRIMI 2016

LIBERRIMI 2016

copertina (2)
Come saprete il giorno 30 aprile si è svolta la tanto attesa festa del libro “Liberrimi”, interamente gestita da noi alunni del Poerio, in collaborazione con gli alunni dell’istituto B.Pascal. Se siete stati assenti, peggio per voi perché è stata un’esperienza bellissima, certo con qualche difetto, ma pur sempre un momento culturale che sicuramente ha arricchito tutti quelli che vi hanno preso parte, compresa me. Per chi non è stato presente, appunto, la giornata si è svolta così: nella sala centrale del Palazzetto della Scherma si sono svolte diverse attività, giochi letterari tra studenti, reading, un omaggio a Shakespeare e l’incontro con due degli autori del concorso letterario “Le giovani parole”, Ginevra Lamberti e Stefano Amato. Contemporaneamente, in altri spazi si sono svolti dei caffè letterari, con le presentazioni di libri o di percorsi di lettura svolti proprio da noi ragazzi.
Ma cosa in realtà ci ha portato veramente questa esperienza? Questa festa nasce ed è dedicata interamente alla lettura e ai ragazzi che leggono, quindi non c’è gioia più grande per noi piccoli ossessionati dai libri.
“Liberrimi” ha appunto lo scopo di non imporre in alcun modo la lettura ai ragazzi, anzi, in questo l’organizzazione è stata molto capace, infatti tutti noi eravamo liberi di partecipare e di seguire le presentazioni dei libri che più ci intrigavano. Purtroppo in questa edizione siamo stati svantaggiati dal fatto che durante l’anno non ci siano stati molti percorsi letterari comuni a tutti, come quello de “Le giovani parole”, quindi a mio parere, non c’è stata molta originalità nelle attività. Però, anche se non perfetto, un evento sulla lettura è sempre bello e costruttivo per chi ne è appassionato. Tutti dicono che leggere serve ad evadere dal mondo ma in fondo che cos’è un libro se non entrare nel mondo attraverso un altro ingresso? Penso che almeno una volta nella vita, ad un lettore capiti di imbattersi in un libro speciale, un libro che parli di se stessi, un libro che può cambiare la vita. Ed è grazie ad eventi come questo che si va alla scoperta di questi libri speciali, magari grazie a Liberrimi qualcuno avrà scoperto l’esistenza di un libro, e magari questo libro sarà proprio ciò che lo farà pensare. Perché come crediamo di cambiare il mondo se non leggiamo? Il mondo si cambia pensando, il mondo si cambia grazie a delle idee, e che cosa sono i libri se non idee scritte da noi stessi?
Sara Bucci (3^A)

Caffè letterario

sala centrale

articolo della gazzetta del mezzogiorno di sabato 30 aprile 2’016 sulla manifestazione

festa del libro

http://www.foggiacittaaperta.it/news/read/liberrimi-poerio-pascal-foggia-libri-festa-ubik-scrittori-palazzetto

http://www.teleradioerre.it/foggia/99053/Gli-autori-Lamberti-e-Amato-a-Liberrimi,-la-festa-del-libro-per-ragazzi

 

Allegati