Ultima modifica: 31 Maggio 2018
Liceo "Carolina Poerio" > Attività Scienze Umane > Mostra “Van Gogh – The Immersive Experience”

Mostra “Van Gogh – The Immersive Experience”

Otto febbraio 2018, la classe 5^ C del Liceo delle Scienze Umane, accompagnata dalla prof.ssa Domenica Maiorana, insieme alle classi 4^ A L – 5^ A L – 5^ B L – 5^ C L dell’Istituto, si è recata a Napoli per vedere la mostra multimediale “Van Gogh – The Immersive Experience”. La mostra ha rappresentato per le studentesse un nuovo modo di esplorare e vivere l’arte, che ha permesso loro di entrare e camminare all’interno dei capolavori di Vincent Van Gogh, mediante un sistema di proiezioni 3D mapping. L’esposizione è stata allestita nella Basilica di San Giovanni Maggiore, attrezzata di grandi schermi e video proiettori ad altissima definizione, che hanno “conferito vita” alle opere coinvolgendo completamente le allieve. Pareti, soffitto, colonne, arcate della Basilica si sono illuminate dei colori preferiti dall’artista, dal blu intenso di “Notte stellata” al giallo vivo dei “Girasoli”. Oltre alle proiezioni nella navata centrale, le studentesse hanno potuto compiere un viaggio 3D ad Arles e nei luoghi rappresentati nei dipinti, per cui le opere e gli stati d’animo di Van Gogh sono stati vissuti in un percorso video e audio della durata di oltre un’ora, che ha reso possibile l’interiorizzazione di un’esperienza unica ed entusiasmante.

La visita alla mostra è stata preceduta, il mattino, dall’esplorazione di Palazzo Reale, realizzato nel 1600 per il re di Spagna Filippo III d’Asburgo, che ha ospitato, nel tempo, i più grandi sovrani spagnoli in Italia ed è stata arricchita dalla visione di Palazzo Mannajuolo, uno dei più splendidi esempi di architettura liberty e della spettacolare scala elicoidale interna.

Le ragazze della classe 5^ C Scienze Umane hanno realizzato un video sulle esperienze storico-artistiche ed emozionali vissute durante la giornata trascorsa a Napoli, allo scopo di offrire a tutti “la magia della bellezza delle opere d’arte”.

Prof.ssa Domenica Maiorana