Ultima modifica: 15 febbraio 2016
Liceo "Carolina Poerio" > Avvisi > OPEN Day del 2 febbraio a Palazzo Dogana

OPEN Day del 2 febbraio a Palazzo Dogana

Il 2 febbraio a Palazzo Dogana si è tenuto il secondo OPEN Day dell’anno scolastico 2015/16 del Liceo C. POERIO.
In un contesto insolito ma fortemente voluto per incontrare nuovamente le famiglie e gli alunni delle scuole medie di Foggia e provincia. Un pomeriggio di successo per un incontro umano e informativo che tutta la comunità scolastica ha voluto realizzare per aiutare i ragazzi del nostro territorio a compiere la scelta più giusta per il proprio futuro!
Il liceo C. POERIO ha presentato la propria offerta formativa attraverso il ventaglio dei suoi quattro indirizzi: MUSICALE SCIENZE UMANE ECONOMICO SOCIALE LINGUISTICO
Nato con la mission pedagogica ha diplomato nel tempo valenti educatori.
Oggi il Liceo C. POERIO vanta una proposta moderna e diversificata che rinnovando la sua antica vocazione pedagogica associa ad essa percorsi formativi di spiccata peculiarità. Ognuno dei quattro indirizzi esalta il denominatore comune della pienezza delle conoscenze accanto alle competenze proprie di ogni liceo. Specificità che assicurano immediato accesso al mondo universitario e del lavoro, attraverso basi culturali assai salde.
La cura degli allievi del Liceo POERIO non avviene solo tramite la didattica e il curricolare ma soprattutto attraverso un’interazione con le opportunità culturali e lavorative del nostro territorio,della nostra regione,della nostra nazione e della nostra Europa. La formazione della loro personalità e del loro status di cittadini del mondo sono al centro del mandato educativo di questo consesso.
Tutto questo grazie alla professionalità dell’intera comunità scolastica sempre al servizio degli alunni e delle loro famiglie.
Non è possibile immaginare una scuola che offra ai propri allievi un contesto di saperi privo di serenità,elemento centrale per la loro crescita educativa. In tal senso il Liceo POERIO rappresenta la condizione ideale per il futuro dei nostri ragazzi.

Di seguito riproponiamo alcuni estratti delle presentazioni dei quattro indirizzi effettuate durante la serata dell’Open Day dalle docenti del nostro Liceo

LES

La nascita del liceo economico-sociale – per brevità LES – nell’a.s. 2010/11 ha riempito un vuoto nella scuola italiana. Mancava infatti un indirizzo liceale centrato sulle discipline giuridiche, economiche e sociali, presente invece nei sistemi scolastici europei e capace di rispondere all’interesse per il mondo di oggi, per la comprensione dei complessi fenomeni economici, sociali e culturali che lo caratterizzano. Tale liceo, che ha il suo baricentro nella cosiddetta “terza cultura”, quella delle scienze economiche e sociali, rappresenta una delle novità della riforma, promovendo e valorizzando la formazione in un ambito disciplinare presente da tempo nel mondo universitario (economia e commercio, giurisprudenza, scienze politiche, ecc..), ma ignorato nella cultura liceale. Questo percorso di studio realizza un progetto di formazione umana e culturale in grado di far comprendere e analizzare il mondo visto come opera degli uomini con gli strumenti teorici e metodologici propri di alcune scienze sociali: diritto,economia, psicologia, sociologia, scienze politiche, statistica. Nell’ordinamento francese e anglosassone il liceo Economico Sociale vanta una tradizione pluridecennale ed è uno dei punti di forza dell’istruzione liceale pertanto si può prevedere che anche in Italia questo tipo di liceo – l’unico non linguistico caratterizzato dallo studio, nel quinquennio, di due lingue comunitarie -possa rappresentare una valida proposta formativa in un’ottica di globalizzazione.
Siamo tutti raggiunti ogni giorno da notizie, commenti e linguaggi che richiedono confidenza con le scienze economiche e sociali, oltre a una solida cultura generalista, umanistica e scientifica, propria dei licei. Senza queste conoscenze è minacciato in generale il diritto dei giovani alla cittadinanza, la possibilità per loro di diventare cittadini consapevoli e protagonisti attivi nel loro tempo. A questa esigenza, a questa sfida ha risposto il liceo economico-sociale, il “liceo della contemporaneità”, nato per l’esigenza di un nuovo profilo di studi che portasse il mondo nelle aule di scuola e dotasse i suoi allievi dei linguaggi necessari per cominciare a “leggerlo”.
Quando ascolti il telegiornale ti piace capire cosa significano parole come “spread”, “Bot”, “spending review”? Ti piace essere informato su cosa capita nel mondo a livello sociale e politico? Hai un forte senso civico e ti piace capire quali sono le leggi e come vengono applicate? Sapere di economia e finanza serve a tutti. Oggi l’economia è per molti un oggetto misterioso: non sai perché ti pagano x e non y, non sai perché c’è la recessione o perché c’è la disoccupazione. Ma se una persona dovesse scegliere tra due condizioni: essere disoccupato e non sapere perché o essere disoccupato e sapere il motivo, è giusto scegliere la seconda. Intanto il non sapere perché può far spuntare orribili pensieri: non trovo lavoro perché sono incapace. Mentre se so perché e so anche che ci sono dei rimedi, questo lo posso accettare più volentieri. Contro i disastri naturali, terremoti, alluvioni, non possiamo fare nulla; ma l’economia non è fuori del nostro controllo: possiamo affrontare i problemi e cercare di risolverli.
Il liceo economico-sociale ha due peculiarità: INTERDISCIPLINARIETA’ e l’OPERATIVITA’.
Interdisciplinarietà: l’impostazione didattica fornisce agli studenti una preparazione articolata e organica, superando la visione settoriale dei saperi. A tal fine, i docenti, nella trattazione specifica della propria disciplina, metteranno in luce i nessi interdisciplinari tra i contenuti indicati dal Consiglio di Classe, affrontando lo studio di temi – problemi attraverso l’apporto di più saperi.
Operatività: gli studenti devono acquisire conoscenze, abilità e competenze in modo attivo, facendo esperienze ed osservazioni dirette, ricerche sul campo, imparando tecniche e verificandone l’applicazione, attraverso il lavoro individuale e di gruppo e a queste esigenze risponde l’alternanza scuola-lavoro. Scopo dell’alternanza scuola-lavoro è di motivare e orientare i giovani, diffondendo la cultura del lavoro.

Il liceo musicale

rappresenta sul territorio una valida opportunità per gli studenti che intendono arricchire il proprio percorso di studi, coniugando  una solida preparazione liceale con un formazione musicale specialistica.

Il liceo musicale:

  • rappresentauna prosecuzione naturale per gli alunni delle scuole di primo grado con sezione  musicale e la giusta occasione per chi seguendo corsi di musica o avendo interessi musicali intende arricchire il proprio bagaglio culturale;
  • offreuna formazione musicale completa che permette vari sbocchi di studio : prosecuzione degli studi musicali ( AFAM ) presso i Conservatori, per l’acquisizione dei diplomi di livello universitario; frequenza di corsi di Laurea di Musicologia ( compreso il DAMS ) e di Musicoterapia;
  • l’opportunità di entrare nel mondo del lavoro come musicista ( in orchestra, bande e formazioni cameristiche ) o come tecnico del suono e del montaggio audiovisivo, utilizzando le competenze sviluppate con le discipline di Tecnologie musicali;
  • assicurauna considerevole formazione culturale generale che consente di accedere a qualsiasi facoltà universitaria compreso quelle ad accesso programmato;
  • dispone di una serie di aule speciali destinate alla pratica strumentale, insonorizzate e dotate di strumentazione professionale di tutte le famiglie di strumenti musicali; dispone di una cabina di registrazione professionale, di un Laboratorio di Tecnologie musicali con trenta postazioni e due Laboratori per le esercitazioni di musica d’insieme;
  • offre la possibilità di partecipare a eventi, rassegne, concorsi e manifestazioni;
  • prevede l’orario continuato, per la pratica strumentale, soprattutto agli alunni dei paesi limitrofi.

 

LICEO DELLE SCIENZE UMANE
Perché iscriversi al liceo delle Scienze Umane?
• Il Liceo delle Scienze Umane offre una formazione all’avanguardia perché coniuga la formazione umanistica e scientifica tipica dei licei, ma con la novità del rafforzamento nello studente di abilità e competenze utili ad affrontare qualsiasi esperienza di lavoro e di studio grazie alla presenza nel curricolo di uno spazio significativo delle scienze umane
(4 ore nel biennio e 5 ore nei successivi tre anni. Infine, al 5° anno è previsto l’insegnamento di una disciplina in lingua inglese (CLIL).

• Il curricolo del Liceo delle Scienze Umane prevede anche un valido approccio scientifico nella formazione dello studente in quanto propone lo studio della matematica e della biologia per tutti i 5 anni di liceo.
• Nel Liceo delle Scienze Umane lo studente si sente al centro del suo percorso di formazione perché è coinvolto attivamente nello studio delle Scienze Umane e specifici progetti, attività. Alcuni esempi:
• Il Liceo delle Scienze Umane prepara a tutte le facoltà universitarie. Gli sbocchi lavorativi sono nel campo delle professioni socio-sanitarie (come criminologo psicologo, medico), della formazione (insegnante, educatore formatore) della comunicazione (giornalista, esperto pubblicitario).
• Settembre/novembre 2015 sono stati realizzati progetti di alternanza scuola- lavoro in Italia e all’estero.

LICEO LINGUISTICO
Il Liceo Linguistico ‘Poerio’ persegue i suoi obiettivi didattici e formativi tendendo ben presenti le priorità dell’Unione Europea, come da Articoli 2 e 3 del TUE e articoli 6 e 165 del TFUE, che dicono:
“L’UE considera le lingue una delle sue priorità più importanti, esse sono una parte integrante della nostra identità e l’espressione più diretta di una cultura. In Europa la diversità linguistica è un dato di fatto della vita quotidiana. In un’UE che si fonda sul motto «unità nella diversità», la capacità di comunicare in diverse lingue è una necessità imprescindibile per le persone, le organizzazioni e le imprese”.

Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali
COSA RICHIEDE IL LICEO LINGUISTICO?
•Curiosità intellettuale
•Interesse nei vari campi del sapere, negli ambiti multiculturali e plurilinguistici
•Attitudine allo studio comparato e sistematico
CARATTERISTICHE DEL CURRICOLO
LO STUDIO DI TRE LINGUE STRANIERE (INGLESE, FRANCESE, TEDESCO o SPAGNOLO) permette:
• Lo sviluppo di competenze linguistico-comunicative
• Lo sviluppo di conoscenze relative all’universo culturale delle lingue di riferimento
• Il raggiungimento del livello B2 del quadro comune europeo di riferimento (preparazione alla certificazione durante l’orario curricolare e /o extracurricolare)
• La riflessione sul sistema e sugli usi linguistici culturali indispensabili nel contatto
LA CONVERSAZIONE CON UN INSEGNANTE MADRELINGUA
Lo studio delle tre lingue moderne Inglese, Francese, Tedesco o Spagnolo
• si avvale dell’importante contributo della Conversazione con Insegnante Madrelingua (Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo), per un’ora alla settimana
• viene proposto non solo nella peculiare dimensione culturale, ma anche e soprattutto come mezzo di espressione e di comunicazione nell’intento di educare gli alunni ad uno spirito europeo.
IL LATINO NEL PRIMO BIENNIO
• La riflessione sulle strutture linguistiche fornisce un valido strumento di analisi logica
• Sviluppa una flessibilità mentale utile allo studio delle altre materie
• Mette in evidenza la presenza del latino nel lessico delle lingue moderne europee
FORMAZIONE EQUILIBRATA
sia sul versante umanistico che su quello scientifico attraverso lo studio di discipline quali:
• Italiano, Storia e Geografia
• Latino
• Filosofia, Storia dell’Arte
• tre Lingue e culture straniere
• Matematica, Fisica, Scienze
• Scienze Motorie
CLIL – Content and Language Integrated Learning
Apprendimento integrato di contenuti disciplinari in lingua straniera
• Classi 3° e 4° – attivazione di norma del 50% del monte ore di una disciplina veicolata in lingua straniera
• Classe 5° – attivazione di norma del 50% del monte ore di due discipline veicolate in lingua straniera
Percorso di Studio Bilingue EsaBac – Esame di Stato-Baccalauréat ( a scelta)
• Possibilità di scelta al terzo anno del percorso EsaBac;
• Studio della storia in lingua francese (CLIL);
• Studio della letteratura francese in una prospettiva europea ed internazionale;
• Conseguimento del Diploma riconosciuto dallo Stato Italiano e da quello Francese
Certificazioni Linguistiche
Corsi di potenziamento e Certificazioni Europee in :
• INGLESE con Certificazione University of Cambridge ESOL (PET B1 – FCE B2 – CAE C1)
• FRANCESE con Certificazione Alliance Française (DELF B1/B2 – DALF C1)
• TEDESCO con Certificazione Goethe Institut (Goethe-Zertifikat B1/B2)
• SPAGNOLO con Certificazione Istituto Cervantes ( DELE B1/B2/C1)
ATTESTAZIONE INTERNAZIONALE CertiLingua®
Rivolto agli studenti del 5° anno che devono possedere i seguenti requisiti:
• almeno 2 Certificazioni Linguistiche di Livello B2 del QCER ;
• frequenza di corsi CLIL in una o più discipline non linguistiche per un minimo di 70 ore di lezione nell’ultimo biennio delle scuole secondarie di secondo grado o ESABAC;
• partecipazione attiva a progetti di cooperazione internazionale (progetti Erasmus, Scambi di classe, Scambi prolungati individuali, Stage lavorativi)
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO sul territorio
MASTERCLASS 2015 presso Istituto partner Marcelline-Foggia
classi coinvolte 5^ F e 5^ G
Obiettivo: approccio alle lingue Francese-Tedesco-Spagnolo
Supporto: mezzi audiovisivi
Attività svolte : azioni ludiche
Rappresentazione finale alla presenza delle famiglie dei bambini e delle D.S. degli istituti

AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA
Lingua e Cultura Inglese
• Experience Canada MIC – Mobilità individuale Canada
• Scambio scolastico in Canada con il Liceo “Christ the King”
• English on stage – Teatro in Lingua inglese
• Stage Linguistici in Irlanda (DCU -Dublin City University)
• Stage Lavorativi in Inghilterra (Northumbria School of English)
Lingua e Cultura Francese
• EsaBac – Scambi culturali e Mobilità Prolungata con i Licei EsaBac di Beley e Strasburgo
• Scambio scolastico con Redon (Bretagna) con il Lycée Saint Sauveur
• Scambio virtuale con Lycée Pierre et Marie Curie di Rieux
• Teatro in Lingua Francese
• Stage Linguistici e Lavorativi in Francia
Lingua e Cultura Tedesca
Scambi Culturali con le scuole
• Kaufmännische Schule di Göppingen
• Freihof Gymnasium di Göppingen
• Private Wirtschaftsschule Breitschaft di Regensburg
Scambi Prolungati Individuali presso l’Augustin Wibbelt Gymnasium di Warendorf
Stage Linguistici presso
• did-Institut München/Frankfurt
• Augsburger Deutschkurse -Augsburg
• F+Ü Sprachenschule – Heidelberg
Partenariato per Stage Lavorativi con l’Augustin Wibbelt Gymnasium di Warendorf
Lingua e Cultura Spagnola
• Stage Linguistici a Toledo e Valencia
• Stage Lavorativi a Madrid
• Scambio virtuale in lingua spagnola con l’Istituto francese “Pierre et Marie Curie” di Rieux (F) con la realizzazione di lavori multimediali.