Ultima modifica: 7 ottobre 2018
Liceo "Carolina Poerio" > Attività Liceo Linguistico > Progetto “Appassionarsi alle STEM”

Progetto “Appassionarsi alle STEM”

 

Video del progetto “Appassionarsi alle STEM”

Il liceo “C. Poerio, grazie al progetto “Appassionarsi alle STEM”, ha organizzato dal 3 al 14 Settembre 2018 campi estivi di Scienze, Informatica, Matematica e Coding rivolti a 26 bambini e bambine delle classi quinte del IX Circolo Didattico “Manzoni-Montessori”. Il corso di formazione è stato realizzato con il contributo del Dipartimento delle Pari Opportunità del Consiglio dei Ministri, nell’ambito dell’avviso “In estate si imparano le STEM II edizione”. Le attività didattiche sono state finalizzate a:

  • sviluppare la consapevolezza nelle bambine della propria attitudine verso le materie scientifiche.
  • contrastare gli stereotipi e i pregiudizi che discriminano le ragazze e i ragazzi rispetto alle carriere scientifiche utilizzando la didattica laboratoriale e il “cooperative learning”.

I bambini e le bambine hanno avuto l’opportunità di sperimentare 10 giorni di attività divertenti e innovative dedicate al mondo della scienza, con la guida di esperti e della docente tutor.

Per gli allievi della classe 3^a E ad indirizzo linguistico che sono stati tutor dei bambini e delle bambine, il percorso formativo si configura come parte integrante e obbligatoria del percorso di Alternanza Scuola Lavoro dal titolo: “Orientamento: industry 4.0”.

Sono state realizzati i seguenti moduli didattici:

  1. DIVERTIRSI CON LA SCIENZA (20 ore) docente esperto: dott.ssa Silvia Di Lella (guida naturalistica) e docente tutor: ins. Lucia Sabrina Fredella
  2. MATEMATICA, CODING E ROBOTICA EDUCATIVA (20 ore) docente esperto: prof.ssa C. Moro e docente tutor: ins. Lucia Sabrina Fredella

La finalità principali del progetto sono state:

  • far conoscere ai bambini l’energia, in particolar modo l’energia “pulita” derivante dalle fonti rinnovabili, al fine di sensibilizzarli in merito al problema dell’inquinamento energetico;
  • educare al pensiero computazionale attraverso sia attività tecnologiche che “unplugged”;
  • conseguire un attestato di partecipazione alle attività della piattaforma del coding code.org;
  • promuovere la passione per la scienza e superare la “barriera” di genere e lo stereotipo attraverso il gioco creativo;
  • sviluppare quelle competenze e abilità utili allo studente non solo dal punto di vista tecnologico – scientifico, ma anche da quello della risoluzione dei problemi, della creatività e del lavoro di gruppo.

E’ stata realizzata anche un’escursione al Parco Naturale Regionale dell’Incoronata. Durante il percorso si sono fatti osservare i “segni di presenza” di alcuni animali selvatici, si è parlato di progetti di salvaguardia di alcune categorie faunistiche mediante la realizzazione di macere, per i rettili, e di “bat box”, per i chirotteri. I bambini hanno appreso che per l’identificazione delle piante è utile osservare i fiori, la corteccia e le foglie; è stata raccontata la storia del bosco e di come questo si sia trasformato negli ultimi secoli mediante l’introduzione di specie aliene.

Gli studenti tutor hanno collaborato alla realizzazione di cartelloni durante i lavori di gruppo, hanno documentato le attività didattiche con foto e video che hanno condiviso nella VLE Edmodo, hanno redatto un diario di bordo e prodotto una relazione finale dell’intera esperienza.

La referente del progetto

prof.ssa Clotilde Moro